Lavori

riuso
Social City, a production platform for Torino social cooperatives
progetto realizzato in Avventura Urbana
“Social City” è il nome dell'intervento di trasformazione di un'area industriale nella periferia nord di Torino in sede di un importante soggetto del terzo settore torinese e in bsse logisticae delle attività nel settore dell’ecologia, raccolta carta, raccolta e disassemblaggio componenti elettronici, manutenzione mezzi operativi.
La riqualificazione dell'edificio esistente, originariamente sede di una ditta di spedizioni, è l'esito di un approccio di tipo incrementale al progetto, definito costruzione sociale: ogni aspetto è stato progettato insieme ai destinatari degli spazi coinvoglendo tutti gli attori della trasformazione.
Grazie all'utilizzo di sistemi industrializzati di serie, materiali poveri, finiture semplificate e strutture riutilizzabili è stato possibile realizzare a costo contenuto i nuovi spazi di lavoro e di servizio senza rinunciare alla qualità di ambienti dotati di grandi finestre, colori vivaci e spazi comuni.
L’intero intervento è stato caratterizzato da elevati standard di qualità ambientale, con la sperimentazione di tecnologie innovative di controllo dell’involucro, di produzione attiva di energia, di controllo delle emissioni in ambiente.

Hanno oggi la loro sede in Base 202 Stranidea, Oltre il muro, Arcobaleno, Abele Lavoro, Dinamo s.r.l., Transistor e altri soggetti del terzo settore.
CLIENTE: Cooperativa Sociale Arcobaleno ARL
INCARICO: progettazione preliminare, definitiva, esecutiva, impianti, direzione lavori e coordinamento della sicurezza
CONSULENTI: Ing. Marco Simonetti (Impianti meccanici), Studio DMD (impianti elettrici), Arch. Paolo Diana e Arch. Giuliana Romano (coordinamento sicurezza) Ing. Silvio Angelini (progettazione antincendio)
GRUPPO DI LAVORO: Roberta Minola, Daniele Baiotto
DIMENSIONE: 13.000 mq di cui 6000 MQ coperti
FOTOGRAFIE: Isabelle Toussaint, Roberta Minola, Michele D'ottavio