Lavori

riuso
trasformazione in studio di un'autofficina a san salvario, Torino, 2006 - 2007
Premio architetture rivelate 2008
 
L'ex - autofficina, situata in un cortile di San Salvario, è stata trasformata in uno spazio di lavoro contemporaneo con un intervento a basso costo grazie al mantenimento dell'impianto spaziale originale e all'utilizzo di materiali industriali come il policarbonato e la lamiera microforata, affiancati a colori caldi e saturi sulle pareti.
Gli esterni della nuova architettura si inseriscono nel cortile del vecchio edificio a ringhiera come due volumi trasparenti in policarbonato e alluminio, collegati tra di loro da un tetto verde che grazie ad un deck in legno è utilizzabile come spazio di lavoro e di relax. Di fronte alle due vetrine che si affacciano su via Belfiore è stato realizzato, rinunciando al passo carraio di pertinenza, un parcheggio per le biciclette a disposizione di tutto il quartiere.
 
Il progetto applica principi di eco-sostenibilità come la ventilazione naturale, l'utilizzo di legno rinnovabile e tecnologie ad alta efficienza per il controllo climatico degli ambienti.
CLIENTE: Avventura Urbana s.r.l
INCARICO: progettazione architettonica preliminare, definitiva, esecutiva e direzione lavori, coordinamento della sicurezza
CONSULENTI: Cinzia Maga e Carlo Micono (sostenibilità ambientale), Equars (rete wireless), DMD (impianto elettrico), Sefit (strutture), Marco Ostini (light design), Davide Mazzucco e Bruno Griseri (informatica), Ariana Astolfi e Alessia Griginis - Onleco (acustica), Flavio Mosso (assicurazioni)
GRUPPO DI LAVORO: Roberta Minola, Monica Mazzucco, Paolo Pellegrino
DIMENSIONE: 300 mq
FOTOGRAFIE: Isabelle Toussaint, Michele D'Ottavio