Lavori

residenza
MAP - Modulo Abitativo Provvisorio per l'Abruzzo, 2010
Progetto realizzato in Avventura Urbana con Detry e Levy, BAG - studio mobile, CMO, Ossabois
 
Il Modulo Abitativo Provvisorio richiesto dal Dipartimento della Protezione Civile per rispondere all’emergenza abitativa conseguente al terremoto in Abruzzo è un prefabbricato in legno di un piano fuori terra, rinnovabile e recuperabile secondo i principi di ecosostenibilità, smontabile e riutilizzabile per nuove funzioni. Il modello proposto dal gruppo di progettazione parte dall’individuazione dei caratteri e delle esigenze del contesto locale con l’obiettivo di rispondere all’idea di casa dei futuri fruitori dell’opera e definire un’architettura domestica che vada oltre il paradigma dell’emergenza. 
Il modello minimo prevede moduli abitativi tra loro aggregabili di 40 mq, 50 mq e 70 mq ed è integrabile con una serie di accessori, forniti in dotazione o autocostruibili, che gli abitanti potranno accostare alle loro case come impianti per l’utilizzo delle fonti energetiche rinnovabili, stufe, camini o termocamini a pellet o legna, moduli addizionabili come verande, portici, e piccoli magazzini.
Lo schema di montaggio dei diversi moduli propone inoltre un disegno planimetrico del tutto differente da quello a griglia tipico dei campi di emergenza e basato invece su varietà, gerarchie e composizioni articolate che contribuisca a conservare e ricreare comunità di abitanti cariche di aspetti identitari e relazionali.
Procedura di selezione per la fornitura, il trasporto e la posa in opera di Moduli Abitativi Provvisori rimovibili in legno per 1.500 abitanti
SOGGETTO PROMOTORE: Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento della Protezione Civile
PARTNER: Ossabois, Detry e Levy, CMO, BAG - studio mobile
GRUPPO DI LAVORO: Matteo Robiglio, Isabelle Toussaint, Luciano Laffranchini, Valentina Evangelisti, Paolo Robazza
FOTOGRAFIE: Paolo Robazza
related contents