Lavori

riuso
Co-housing in contesto industriale, Torino
Progetto realizzato in partenariato con Homers s.r.l.

L'edificio oggetto di recupero e trasformazione è un ex laboratorio per la lavorazione del marmo, affacciato sugli spazi verdi dell’antica cinta daziaria di Torino. Dietro la facciata scandita dai fregi delle finestre, la struttura di inizio Novecento accoglie uno spazio ampio e flessibile. La sala che ospitava le lavorazioni alterna il cemento grezzo, il rosso dei vecchi mattoni e la luce delle finestre industriali. Da qui si percepisce, sorretta dai pilastri di cotto, la copertura, dalla quale la vista non trova ostacoli verso il verde circostante.
Oltre il portone, si apre una corte al cui centro un grande albero ripara dal sole del sud. Intorno, verde ed edifici bassi completano il paesaggio di un quartiere che sta diventando il centro di attività creative ed esperienze innovative.

Sei abitazioni di diverse metrature si organizzano attorno ad una sala per le feste, un forno per il pane e una sala wellness, mentre all’esterno pergolati e tettoie permettono l’uso del cortile durante ogni stagione.

Il carattere industriale dell’edificio continua a vivere nei nuovi materiali: acciaio, mattone, legni ed intonaci rendono l’involucro efficiente in termini di costi ed energia. 


 
CLIENTE: Homers s.r.l. impresa sociale, co-housers
INCARICO: Progetto architettonico, strutture e impianti sviluppati dal preliminare all’esecutivo, direzione lavori e coordinamento della sicurezza
GRUPPO DI LAVORO: Isabelle Toussaint (TRA), Anna Silenzi (TRA), Andrea Pera (TRA); Daniele Campobenedetto (Homers), Elisa Montervino (Homers)
CONSULENTI: Onleco - Arch. Sabrina Canale (acustica), Onleco - Arch. Alessia Griginis (acustica), Ing. Claudia Costan Zovi (strutture), Ing.Catello Soccavo (impianti energetici)
PARTNER: Homers s.r.l.
GRAFICA: Diego Decortes, WeLaika
DIMENSIONE: Lotto 917 mq, superficie di progetto 557 mq